Volontari sul territorio in sinergia con i Comuni

Il Csv di Reggio riparte dai territori. Il presidente del Centro servizi per il Volontariato dei Due Mari, Giuseppe Bognoni, ha voluto rinsaldare un rinnovato impegno nei confronti delle associazioni della Locride. «Ripartiamo dai territori – dice Bognoni – e con questo spirito di vicinanza, abbiamo accolto la disponibilità dell’Amministrazione comunale di Bovalino guidata dal sindaco Vincenzo Maesano, che ha messo a disposizione un locale all’interno della casa comunale per ospitare gli operatori e i servizi del Csv. Una collaborazione – prosegue il presidente – che va proprio nella direzione degli orientamenti della riforma del Terzo Settore voluta anche per affermare una partnership pubblico/privato volta a perseguire l’interesse generale».

«La riforma, infatti – evidenzia sempre il presidente Bognoni – sottolinea il ruolo degli enti di Terzo Settore nella costruzione di comunità più coese, solidali, giuste e vivibili, riconoscendo il ruolo degli operatori e dei tantissimi volontari impegnati nei diversi ambiti da quello sociale a quello sanitario, da quello ambientale a quello culturale e sportivo. Rimaniamo comunque aperti e disponibili ad altre collaborazioni che dovessero pervenire da altri territori e amministrazioni».

Anche il primo cittadino ha espresso il suo plauso per l’importante collaborazione: «La presenza di questa organizzazione nel territorio – afferma Maesano – consentirà alle tante associazioni di crescere e operare nella comunità in modo più qualificato e sinergico. E proprio sulle possibili sinergie, punta la propria attenzione l’assessore alle Politiche sociali Filippo Musitano». E nel ricordare il prezioso lavoro «della locale Consulta delle associazioni egregiamente guidata dal presidente Viccari», auspica che «la presenza del Csv possa agevolare la rete tra le tante organizzazioni cittadine».

Il direttore Giuseppe Pericone ha evidenziato come lo sportello di Bovalino sarà aperto a tutti i volontari degli enti di terzo settore della Locride. I servizi gratuiti del Csv, dunque, saranno a disposizione di quanti del comprensorio ne faranno liberamente richiesta. Lo sportello sarà attivo ogni secondo e quarto giovedì del mese dalle ore 15 alle ore 17, ferma restando la disponibilità del Centro anche ad adattarsi alle esigenze dei singoli. «Il Csv – conclude il direttore – vuole investire con un’azione sperimentale volta allo sviluppo di comunità che ponga al centro, le tante organizzazioni che da anni lavorano su un territorio così difficile e complesso».

 

Daniela Gangemi

Fonte: Gazzetta del Sud

Scarica il file Gazzetta-del-Sud-30.07.2021.jpg (9 download)