Conclusa la decima edizione di Scatti di valore – Tre premi, quattro menzioni speciali e un patrimonio di valori e poesia

Quattro scuole (Liceo Scientifico L. Da Vinci e ITIS Panella-Vallauri di Reggio Calabria, IIS Fermi di Bagnara Calabra e ITIS Conte Milano di Polistena), venti classi coinvolte, cinquantasei scatti fotografici opera di ottanta studentesse e studenti, centinaia di versi poetici scritti dai ragazzi e confluiti in un’unica grande poesia: questi i numeri che tracciano il bilancio della decima edizione di Scatti di Valore, attività di sensibilizzazione ai valori del volontariato e della cittadinanza attiva promossa dal Centro Servizi per il Volontariato dei Due Mari di Reggio Calabria nell’ambito delle annuali iniziative di promozione del volontariato giovanile.

L’iniziativa si è conclusa martedì 29 giugno con una staffetta che ha visto una rappresentanza del Centro Servizi per il Volontariato dei Due Mari, promotore dell’iniziativa, fare tappa in tre diverse scuole per consegnare tre premi e quattro menzioni speciali. Nello specifico i premi sono sati conferiti pari merito ad Anastasia Cotroneo, Caterina De Marco, Emma Gioffrè, Gaia Sinibaldi, Giada Pisano e Michela Trimarchi della classe 3 A del Liceo Scientifico Fermi di Bagnara Calabra per la fotografia dal titolo “Considero valore l’essere libero di AMARE”; a Federica Bulzomì della classe 4 E dell’Istituto Tecnico Industriale Statale Conte Maria Milano di Polistena per la fotografia dal titolo “Considero valore il riflesso dell’anima” e a Fabrizio Malara della classe 3 AG dell’Istituto Tecnico Industriale Panella – Vallauri di Reggio Calabria per la fotografia dal titolo “Considero valore immaginare un mondo migliore”.

Le menzioni speciali sono andate all’Istituto Tecnico Industriale Panella – Vallauri Reggio Calabria per la fotografia dal titolo “Considero valore tenere accesa la fiamma della speranza” di Salvatore Spinella classe 3 AG e all’Istituto Tecnico Industriale Statale Conte Maria Milano di Polistena con Rocco Simonetta della classe 2 E per la fotografia dal titolo “Considero valore tornare a volare”; Martina Galluzzo e Melissa Scarfò della classe 3 L per la fotografia dal titolo “Considero valore l’unione, l’essenza del bello, l’unità nella varietà”; Naomi Petitto della classe 4 E per la fotografia dal titolo “Considero valore affrontare le diversità con coraggio”.

Sguardi che si sono immersi con profondità nella Carta dei Valori del Volontariato – afferma il presidente del CSV Ignazio Giuseppe Bognoni – hanno liberato visioni inedite e contemporanee del manifesto dei volontari nato esattamente vent’anni fa a sugellare un’edizione speciale di questa edizione di Scatti di Valore. Speciale perché cade nel decennale, speciale perché il format tradizionale è stato rimodellato in una versione tutta digitale per mantenere viva, anche in tempo di pandemia, quella sinergia educativa che da un decennio vede lavorare fianco a fianco Scuole di diversi territori, Associazioni e CSV.

Proprio a fronte di una decima edizione interamente digitale, il direttivo del CSV rappresentato da Maria Franco, Orsola Foti e Simona Mileto, e i dirigenti delle scuole vincitrici del concorso fotografico Prof.ssa Graziella Ramondino dell’IIS Fermi di Bagnara Calabra, Prof.ssa Anna Nucera dell’ITIS Panella – Vallauri di Reggio Calabria e il Prof. Francesco Mileto dell’ITIS Conte Milano di Polistena hanno fortemente voluto sugellare la conclusione dell’attività con un incontro in presenza che – come hanno coralmente evidenziato con emozione – ci restituisce il barlume e la speranza di un cauto ritorno a quella “normalità” che è uno dei valori rivelatosi tra i più preziosi in questo tempo così eccezionale e difficile.

Al tempo stesso, il tour conclusivo nelle tre scuole vincitrici ha anche avuto il senso di restituire gli esiti e il significato del cammino, coordinato da Maria Grazia Manti referente dell’area promozione del CSV e scandito con parole e immagini: le parole sono quelle confluite in una poesia collettiva composta dai valori espressi e condivisi dagli studenti durante le attività laboratoriali digitali con le venti classi coinvolte; le immagini sono gli scatti scaturiti dall’esplorazione creativa della Carta dei Valori del Volontariato che i giovani partecipanti al concorso hanno svolto accompagnati dalle docenti referenti.

Un patrimonio che, come emerge dalla riflessione conclusiva del direttore del CSV Giuseppe Pericone ispirato dalle stesse parole dei ragazzi, viene affidato oggi alla responsabilità di ognuno, perché si traduca in gesti e comportamenti e lasci le impronte dei nostri valori nella nostra terra e ovunque andremo.

PER VISIONARE TUTTI I PREMI E LE MENZIONI SPECIALI CLICCA QUI